• Italiano
  • Fisioterapia e Osteopatia

    Studio Medico Akron

    Fisioterapia e Osteopatia

    POLIAMBULATORIO PESCHIERA

Ambulatorio di Fisioterapia e Osteopatia a Peschiera

Perchè affidarsi all’ambulatorio di fisioterapia e osteopatia? La visita fisioterapica serve per prevenire o riabilitare pazienti affetti da problematiche fisico-motorie. L’osteopatia, seppur agendo allo stesso modo, ha come scopo il benessere e il riequilibrio fisico del paziente.

Orari Ambulatorio

Siamo a disposizione dal Lunedì al Venerdì, contattaci via telefono o e-mail!

Fisioterapia e Osteopatia

Ambulatorio di Fisioterapia e Osteopatia

Ambulatorio di Fisioterapia e Osteopatia

Cosa sono e come funzionano la fisioterapia e l’osteopatia?

La Fisioterapia è una branca delle scienze sanitarie che si occupa della prevenzione, cura e riabilitazione dei pazienti affetti da patologie o disfunzioni congenite o acquisite in ambito muscoloschelettrico, neurologico e viscerale attraverso molteplici interventi terapeutici, quali: terapia fisica, terapia manuale-manipolativa, massoterapia, terapia posturale, terapia occupazionale, chinesiterapia, e molto altro.

L’osteopatia (“osteon”-osso e “pathia” malattia, sofferenza) viene definita come una medicina alternativa volta al ripristino dello stato e dell’equilibrio generale del corpo, delle sue funzioni e del suo benessere, attraverso specifiche tecniche di manipolazione.
Essa ricerca l’equilibrio funzionale globale, pertanto si ritiene che la salute vada ricercata in un’armoniosa integrazione di corpo e mente.

Fisioterapia e Osteopatia a Peschiera del Garda
Nello Studio Medico Akron potrai eseguire:

Elettro terapia

L’elettroterapia consiste nell’applicazione locale di impulsi elettrici alternati (elettrostimolazione) o continui (ionoforesi) al fine di ottenere rispettivamente un effetto terapeutico.

Tens

La TENS terapia è un elettroterapia antalgica che utilizza frequenze tra 2hz e 150hz per ridurre il dolore causato da tante patologie diverse.Il nome è l’acronimo di Transcutaneous Electrical Nerve Stimulation.
La TENS è una terapia che si utilizza sempre meno perché è poco efficace e i benefici sono temporanei.
La tecnica è quella di inviare degli impulsi elettrici sulla cute, attraverso delle placche elettroconduttive.
Stimolando le fibre nervose, la TENS può neutralizzare i segnali dolorifici, i quali non arrivano al cervello, quindi non si percepiscono.
Inoltre, gli impulsi della TENS indicano all’encefalo di produrre beta-endorfine, cioè sostanze fisiologiche con gli stessi effetti della morfina per aumentare l’azione analgesica.In fisioterapia, si utilizza la TENS per: dolore cervicale, tendiniti, cervicobrachialgia, lombosciatalgia, dolore intercostale, mal di schiena, periartrite della spalla, ecc.La funzione di riabilitazione della TENS consiste nella capacità di ridurre il dolore e ristabilire le condizioni fisiologiche normali.

Corrente dinamica

Gli effetti terapeutici delle correnti diadinamiche sono diversi come effetto analgesico, trofico ed eccitomotorio.
La terapia con correnti diadinamiche viene fatta tramite due elettrodi con grandezze in base all’area da trattare, in cui viene posizionato l’elettrodo attivo (in corrispondenza del maggior dolore) mentre l’altro elettrodo viene messo nelle vicinanze.
Le correnti diadinamiche sono regolate in base alle sensazioni del paziente che segnala la soglia di percezione dello stimolo e della soglia del dolore e non si superano i 10 minuti di seduta.
Le correnti diadinamiche sono indicate per i casi di tendinite (al gomito, polso, spalle, ginocchio e caviglia), per i postumi dolorosi e traumi articolari, per artropatie acute e croniche e per algie muscolari. Per fare questa terapia sono ovviamente controindicati i pazienti portatori di pace-maker, la gravidanza, la stimolazione peri-cardiaca e qualsiasi reazione allergica accertata alla corrente.

Corrente interferenziale

LE CORRENTI INTERFERENZIALI sono correnti bidirezionali alternate a bassa frequenza.
Vengono posti quattro elettrodi ricoperti da spugnette bagnate sulla zona da trattare, con il passaggio di corrente si ha un effetto eccitomotorio e antalgico, grazie ad un aumento della vascolarizzazione locale profonda
Sono indicate per:
contratture muscolari soprattutto a livello del rachide;
colpi di frusta al rachide cervicale;
problematiche lombari, dorsali e cervicali;
lombosciatalgie, lombocruralgie, cervicalgie, cervicobrachialgie;
sintomatologie dolorose;
artralgie e mialgie localizzate;

Corrente Galvanica

Fra le tecniche utilizzate in fisioterapia che rientrano nell’ambito della terapia fisica, fra le più utilizzate e conosciute vi è la terapia galvanica o terapia a corrente galvanica.
La terapia Galvanica è una tecnica riconosciuta dall’Associazione medica che sfrutta la corrente galvanica per curare molti disturbi, come la sciatica, le artriti o i semplici strappi muscolari.
La terapia galvanica, nota anche come Ionoforesi, grazie all’uso della corrente galvanica, riesce a trasformare in ioni alcune sostanze medicinali che in questo modo riescono ad attraversare la cute e a depositarsi nella zona “malata”. I risultati ottenuti con l’uso della terapia galvanica sono più che soddisfacenti, basti pensare che alcuni disturbi come lo strappo muscolare si curano con una o due sedute di 15 minuti!

Ionoforesi

Tecnicamente la Ionoforesi consiste nella somministrazione di un farmaco per via transcutanea attraverso lo sfruttamento di una corrente continua che viene prodotta da uno strumento specifico. Ha come vantaggio primario quello di poter introdurre nel corpo del paziente il medicinale puro, senza abbinarlo ad altre sostanze per poterlo veicolare senza apportare danni ad organi e tessuti (come potrebbe avvenire se somministrato per via orale).

Tecar terapia

La tecarterapia serve ad eliminare il dolore percepito dal paziente sin dalle prime sedute. 
L’impiego della tecar è molto utile nelle terapie riabilitative per il recupero di distorsioni, lesioni tendinee, tendiniti, borsiti, esiti di traumi ossei e legamentosi, distrazioni osteoarticolari acute e recidivanti, artralgie croniche di varia eziologia, nelle patologie muscolo scheletriche come contratture, stiramenti e strappi muscolari, miositi, patologie a carico delle capsule articolari, processi artrosici, lombalgie e sciatalgie, come indubbia è la sua utilità nei programmi riabilitativi post chirurgici, in particolare dopo interventi di artroprotesi.

È molto utilizzata nel trattamento degli sportivi perchè porta risultati molto rapidi, i miglioramenti si vedono già dalla prima seduta.

Ultrasuono terapia

L’ultrasuono è una vibrazione acustica con una frequenza al di sopra di quelle udibili dall’orecchio umano (maggiore di 20000 Hz).
L’ultrasuonoterapia è l’applicazione a scopo terapeutico di questo tipo di energia sonora. La produzione di ultrasuoni si ottiene sfruttando l’effetto piezoelettrico, che è la proprietà di alcuni cristalli minerali , di produrre vibrazioni  comprimendosi e decomprimendosi  quando  sono sottoposti ad un campo di corrente alternata.
Gli effetti terapeutici principali
sono la risoluzione delle contratture muscolari dovuta all’effetto termico e di micro massaggio,
l’azione fibrolitica dovuta allo scompaginamento del collagene nei tessuti fibrosi e
l’azione trofica indotta dalla vasodilatazione con eliminazione dei cataboliti e attivazione del metabolismo cellulare.

Kinesi terapia attiva /passiva

L’etimologia della parola “kinesi” deriva dal greco e significa in sostanza “movimento”che puo’ essere passivo o attivo. Nel primo caso il fisioterapista applica delle tecniche sul paziente che le subisce senza alcuna partecipazione motoria volontaria, se non sul piano propriocettivo; nel secondo caso è proprio il paziente che agisce attivamente e che mette in pratica gli esercizi consigliati dal fisioterapista.
Durante l’esecuzione degli esercizi si possono usare degli ausilii che facilitano il movimento o lo rendono piu’ difficile, a seconda dello scopo che vogliamo raggiungere (elastici, bastoni, carrucole, tappetini, palloni,cyclette, tapis-roulant, riabilitatore ,ruota di Lapidari etc.).

Rieducazione motoria e funzionale

Con il termine Rieducazione Funzionale si intende un insieme di trattamenti successivi al lavoro fisioterapico che hanno come scopo il ritorno alle normali attività sportive e/o quotidiane.
Ri-educare significa letteralmente educare nuovamente una funzione, quindi si presuppone che si sia perso il corretto uso di un sistema che va rieducato alla normale funzione.

Riabilitazione sportiva e bendaggio funzionale

Il bendaggio funzionale è una tecnica di immobilizzazione parziale volta a ridurre i tempi di guarigione rispetto alle metodiche di immobilizzazione tradizionali. Un’articolazione viene infatti messa in scarico e protetta, soltanto nella direzione di movimento dolorosa o patologica. Tale tecnica fu messa a punto e introdotta in fisioterapia negli anni ’60 da un gruppo di ricercatori americani. Si ottiene attraverso l’applicazione mirata di bende e cerotti adesivi. Le bende utilizzate si distinguono per le varie misure (cm 6-8-10), o per il loro grado di estensibilità. Alcune bende sono elastiche in larghezza, altre in lunghezza, altre ancora in entrambe le direzioni; vengono impiegate a seconda delle indicazioni. Il cerotto o tape anelastico viene utilizzato per bloccare l’articolazione nelle direzioni desiderate.
Indicazioni e controindicazioni
Confezionare un bendaggio funzionale è sempre una decisione medica. Può essere indicato in seguito ad un trauma distorsivo od una lussazione, dopo una lesione muscolare od una microfrattura , ma anche nel caso di edemi e gonfiori importanti. Non va bendato chi ha problemi dermatologici o allergie riconosciute al collante. Viene rimosso solitamente 4/7 giorni dopo, durante i quali viene concesso di svolgere le normali attività giornaliere.
Non può essere bagnato.

Tapin kinesiologico

Il Kinesiology tape è un bendaggio adesivo elastico con effetto terapeutico bio-meccanico.
È una tecnica basata sul processo di guarigione naturale del proprio corpo, attraverso l’attivazione dei sistemi circolatori e neurologici. Ai muscoli non viene attribuito solamente il compito di muovere il corpo, ma anche il controllo della circolazione dei fluidi venosi e linfatici, temperatura corporea, etc.
La tecnica ha quattro principali effetti fisiologici:
1. Corregge la funzione muscolare. Il Kinesiology tape è efficace nel ripristinare la giusta tensione muscolare: facilita la normalizzazione della funzione muscolare nell’ambito funzionale / posturale
2. Aumenta la circolazione del sangue / linfa. L’applicazione del Kinesiology tape provoca delle convoluzioni sulla pelle che sollevandosi favoriscono il drenaggio linfatico.
3. Riduce il dolore. L’attenuazione neurologica del dolore avviene per riduzione della pressione e dell’irritazione sui recettori cutanei, grazie ad un riequilibrio della attività linfatica.
4. Assiste nella correzione di allineamento dell’articolazione. La dislocazione di un’articolazione, dovuta alla tensione muscolare anormale, può essere corretta dal Kinesiology tape tramite il recupero della funzione e conseguentemente del corretto utilizzo della fascia.

Ginnastica antalgica e pompages

l metodo “Les Pompages” di Marcel Bienfait è una tecnica usata soprattutto a livello cervicale in caso di artrosi, retrazioni muscolo-fibrose, cervicobrachialgie, ecc.
Il pompaggio è un movimento ritmico e regolare che fa passare un segmento dallo stato di tensione ad uno stato di rilasciamento e viceversa.
Può essere localizzato ad un articolazione, ad un muscolo o ad un gruppo muscolare.
Il pompaggio è eseguito in maniera lenta così da avere un effetto sedativo.
E’ utile per le articolazioni dolorose e le contratture periferiche; utilizzato soprattutto nelle patologie artrosiche.
I pompaggi che riguardano le retrazioni muscolo-fibrose sono caratterizzati essenzialmente da due punti: la tensione, il mantenimento della tensione ed il rilasciamento.
La trazione esercitata deve essere sufficientemente lenta, regolare e progressiva, per permettere un rilasciamento delle fibre muscolari e dello stato psico-fisico del soggetto.
Durante le successive fasi, il terapista sollecita il recupero dell’elasticità dei tessuti , stimola ed accelera la circolazione periferica.

Mckenzie

Il metodo McKenzie è un sistema di diagnosi e trattamento dei dolori a carico del collo e della schiena. Il nome del metodo si deve colui che lo ha ideato, il fisioterapista neozelandese di fama mondiale, Robin McKenzie.

Back school

La Back School cioè la scuola della schiena nasce con lo scopo di insegnare ed educare ad un uso sano della schiena, attraverso esercizi e posture, secondo quelli che sono i principi chinesiologici che la governano. Essa unisce i contributi della medicina, della chinesiterapia, dell’ergonomia, della psicologia e dell’educazione alla salute. Si è dimostrata la metodica più efficace e duratura nel trattamento della lombalgia e della lombo-sciatalgia ma, più in generale, è utile a chiunque desideri prendersi cura della salute della propria colonna vertebrale.

Ginnastica posturale RPG

La Rieducazione Posturale Globale è una metodica riabilitativa di valutazione e trattamento delle patologie dell’apparato locomotore e fornisce un valido contributo alla definizione della diagnosi funzionale.
Philippe E. Souchard, traendo spunto dai suoi lavori di ricerca e dalla pratica clinica quotidiana, tra la fine degli anni settanta e l’inizio degli anni ottanta ha elaborato in Francia questa metodica riabilitativa basata su tre principi fondamentali: Individualità – Causalità – Globalità.
Partendo dall’ organizzazione in catene muscolari e dalla relazione meccanica funzionale che si stabilisce tra i diversi distretti del corpo, la RPG consente di approfondire la conoscenza delle problematiche specifiche in modo individuale.
Il paziente viene considerato come una unità funzionale: la RPG utilizza una serie predefinita di “posture terapeutiche” e le applica in modo “globale” e progressivo con l’obiettivo di raggiungere un riequilibrio funzionale precedentemente compromesso. Il lavoro si sviluppa attraverso l’allungamento e/o il rilasciamento tonico delle catene muscolari ipertoniche responsabili del controllo posturale.
Tramite l’applicazione delle stesse “posture terapeutiche” è possibile individuare la relazione di causa ed effetto e stabilire l’origine del problema ed eliminarlo.
Attraverso lo studio della biomeccanica, osservando la funzione statica e dinamica del sistema tonico-posturale è possibile valutare le relazioni tra le caratteristiche anatomiche e fisiologiche del corpo umano.
L’adattare il trattamento terapeutico in forma individualizzata consente di applicare la RPG su un gran numero di condizioni patologiche, di favorire il recupero del corretto allineamento posturale, della flessibilità muscolare, della eliminazione della sintomatologia dolorosa e ristabilire la funzione grazie alla stretta connessione esistente tra forma, struttura e funzione.

Ginnastica correttiva

Con il termine Ginnastica Correttiva  è stata identificata per anni la pratica dell’attività fisica rivolta alla correzione degli stati di disequilibrio, paramorfismi e posture scorrette. Tale disciplina ha raccolto analisi, configurazioni e movimenti, volti al miglioramento di condizioni migliorabili per il raggiungimento di un lifestyle ideale. Mirando a ridurre i difetti del portamento in cui si manifestino evidenti segnali di alterazione strutturale e correggendo squilibri muscolo legamentosi che provochino conseguenti alterazioni funzionali di uno o multipli distretti corporei.

Ginnastica respiratoria

Gli esercizi di ginnastica respiratoria servono a recuperare l’elasticità toracica, facilitare la ventilazione polmonare e l’aumento del trofismo diaframmatico e addominale.
Gli esercizi proposti vanno ripetuti costantemente nel tempo perché oltre ad apportare le migliorie sopra citate, stimolano la circolazione e la portata dell’aria ventilata. In prima linea nella respirazione è coinvolto il muscolo diaframma. Si tratta di un muscolo di forma elissoidale e appiattita che separa la zona toracica dalla zona addominale.Attraverso i suoi movimenti viene ottimizzata l’espulsione dell’aria e l’ingresso della stessa durante in fase inspiratoria. Oltre alla funzione fondamentale nella respirazione favorisce anche il ritorno venoso con un effetto benefico sulla circolazione periferica.

Clinical pilates

Il CLINICAL PILATES si fonda su dei principi di base: allineamento, centralizzazione, concentrazione, controllo, precisione, fluidità e respirazione.
Per riuscire ad eseguirli, gli esercizi vengono realizzati lentamente, controllando e interiorizzando in ogni momento il movimento descritto dal nostro corpo.
Il CLINICAL PILATES è indicato a tutti, indipendentemente dalla forma fisica, dall’età e dal sesso e associato ad un corretto stile di vita, può aiutare a migliorare il nostro equilibrio psico-fisico.
Il miglioramento della postura, dell’agilità, della coordinazione della consapevolezza e della concentrazione, sono solo alcuni dei benefici che si possono trarre dalla pratica costante del metodo.

Osteopatia in ambito strutturale , viscerale e cranio sacrale

L’Osteopatia può essere divisa in tre categorie:

1. Cranio-sacrale

L’Osteopatia cranio-sacrale si applica a tutte quelle problematiche del tipo: emicrania, cefalea, sinusite, nevralgia del trigemino, tic dolorosi, paralisi di Bell, da frigor, disturbi degli occhi, orecchie, naso, allergie, nevralgia del trigemino, problemi all’articolazione temporo-mandibolare, problemi di coordinazione, dislessie, problemi di apprendimento, etc.

2. Strutturale

Si applica a tutte le problematiche della struttura osteo-articolare e muscolare quali: ernie discali, sciatalgie, lombalgie, dorsalgie, discopatie, problemi posturali, scoliosi, artrosi, etc.

3. Viscerale

Si applica a tutte le problematiche che coinvolgono disfunzioni viscerali organiche o secondarie da problemi vertebrali, ptosi viscerali e disturbi funzionali dei vasi , nervi o viscere adiacenti, aderenze post-operatorie che causano una ristretta mobilità delle viscere del peritoneo che possono far sorgere tensioni e dolori muscolo-scheletrici, spasmi viscerali di origine somatica, squilibri del sistema nervoso autonomo (SNA), ernia iatale, etc.
COSA COMPRENDE UNA VISITA:

  • una completa valutazione della postura verticale del paziente, distribuzione del peso, tipologia, tensioni, contratture, spasmi, la qualità dei tessuti, della pelle, etc.

  • prove funzionali globali, regionali e locali , test passivi, attivi e specifici test secondo gli obiettivi della valutazione.
  • palpazione dei differenti tessuti e ritmi fisiologici per accertare la severità e l’origine dei blocchi osteo-articolari e delle tensioni miofasciali così come l’importanza della restrizione, che genera e che impone all’organismo, localmente e/o a distanza una compensazione.
  • l’identificazione delle cause e una sintesi di tutti i risultati ottenuti. L’Osteopata allora valuta e dà la priorità ai sintomi. Prendendo in considerazione la condizione di salute del paziente, l’età e la vitalità, svilupperà un programma Osteopatico specifico di trattamento più adatto per ogni persona.
  • un trattamento Osteopatico. Esso segue determinati obiettivi:
    – curare la persona secondo i disturbi e le speranze (dolore, limitazioni funzionali, disordini somatici, ecc.)
    – trattare le cause di queste disfunzioni.
    – ristabilire il movimento ai differenti meccanismi e sistemi dell’organismo, preservare e mantenere l’equilibrio e la salute dei pazienti, a volte a distanza dalla sede dei problemi, liberandoli dai loro vincoli (tensioni, pressioni, blocchi, etc.) che interessano la circolazione generale ai livelli arteriosi, venosi, nervosi e linfatici.
  • una spiegazione al paziente di che cosa è stato fatto e perchè, seguiti da consigli riguardo al loro caso particolare. È importante che il paziente diventi autosufficiente e responsabile del suo benessere.
    La maggior parte dei pazienti avrà un considerevole miglioramento dopo 3 o 4 appuntamenti, anche se 8 – 10 trattamenti o più sono richiesti nella maggior parte dei casi tipici per risolvere completamente l’origine della disfunzione o del dolore. Ciò, naturalmente, dipende dal tipo di patologia presente, da quanto tempo il disturbo è presente e dalla forza vitale del paziente.
    La vitalità, in grado di guarire, è intrinseca nel corpo e varia da persona a persona. Vari sono i fattori che entrano in gioco, incluso se vi sono dei traumi precedenti, altre malattie in atto, costumi alimentari, costituzione genetica, stress emozionali etc.
  • consigli per uno stile di vita sano. Questo è un fattore determinante per l’equilibrio del sistema di regolazione naturale dell’organismo. Gli Osteopati sono chiamati per suggerire consigli dietetici generali ed esercizi di integrazione da consigliare adeguatamente ad ogni paziente. Suggerendo cambiamenti nello stile di vita, il professionista permette al paziente di svolgere un ruolo attivo nel realizzare e nel mantenere una migliore condizione di salute.

Riabilitazione uro ginecologica

La riabilitazione uro ginecologica è rivolta a UOMINI e DONNE di tutte le età.
È un trattamento fisioterapico del pavimento pelvico dedicato alla prevenzione e alla cura delle disfunzioni urologiche e ginecologiche  derivanti da interventi chirurgici, patologie o parto naturale travagliato. L’incontinenza urinaria ne è la diretta conseguenza.
La diagnosi precoce di questo disturbo può notevolmente ridurre i disagi come:

-Ripercussioni negative sulla qualità della vita quotidiana

-Disturbi della sessualità

-Elevato aumento delle minzioni

Fisioterapista e Osteopata a Peschiera del Garda
Solo i migliori professionisti al tuo servizio.


Dott.ssa Pegolotti Anna Elena

Diplomata in Terapista della Riabilitazione presso Ussl 17 di Salò nel 1997 a pieni voti e Laureata in Fisioterapia presso l’Università degli Studi di Chieti-Pescara nel 2008.
Ha lavorato dal 1997 al 2007 presso struttura ospedaliera , ad oggi in regime di libera professione presso studio privato sul territorio.
Specializzata sui disturbi e trattamenti della colonna vertebrale, ha partecipato a molteplici corsi e convegni sulle disfunzioni della colonna.
E’ stata inoltre docente di corsi di formazione annuale per OSS e relatrice a Convegni sul tema della Riabilitazione e Movimentazione di Pazienti affetti da Ictus Cerebrale.


Dott.ssa Parolini Benedetta

Laureata in Fisioterapia presso l’Università degli Studi di Verona nel 2004 a pieni voti, e diplomata in Osteopatia D.O. presso Escuela de Osteopatia de Madrid (EOM) nel 2013, lavora in libera professione presso vari studi privati sul territorio.

Fisioterapia e Osteopatia a Peschiera del Garda
Lo Studio Medico Akron è davvero vicinissimo.

Lo Studio Medico Akron è in Via Tangenziale, 3 Peschiera Del Garda (VR) 37019ITALY.

Indicazioni